085 64250 - 328 445 1104 (anche Whatsapp)     9:00 - 12:30 / 15:00 - 19:30 Via De Meis 4, 65126 Pescara

ORTODONZIA: PERCHÉ L’ARMONIA DELLA BOCCA AIUTA A VIVERE MEGLIO

ortodonzia-apparecchio-fisso

L’ortodonzia è la parte dell’odontoiatria che si occupa di correggere la posizione dei denti, migliorando masticazione, respirazione ed estetica. Con l’ ortodonzia si prevengono e si curano le anomalie di posizione dei denti dette malocclusioni, le anomalie di crescita delle ossa mascellari e i problemi di allineamento dentale, per ripristinare una corretta funzione e un sorriso armonico. Al contrario di quanto si crede, l’ortodonzia non riguarda soltanto ragazzi in fase di crescita; tutti possono beneficiare di questi trattamenti e sono sempre di più gli adulti che vi fanno ricorso per migliorare masticazione e aspetto estetico. In questi casi sono necessari tempi più lunghi poiché, essendo le ossa completamente formate, i movimenti del denti sono più lenti che negli adolescenti, ma con un po’ di pazienza è certamente possibile raggiungere il risultato desiderato.

Nel nostro studio puoi affidarti alle cure di un vero esperto del settore, il dott. Lorenzo Naccarella, un dentista che si avvale di strumenti computerizzati e all’avanguardia come elettromiografia (analisi dell’attività elettrica dei muscoli masticatori) e pedana stabilometrica (analisi della postura) per fornire un trattamento personalizzato a 360 gradi, mirato a ristabilire la salute sia dal punto di vista occlusale (che riguarda la posizione delle arcate interdentali) che posturale. La scienza ha confermato che esiste una stretta correlazione tra malocclusione e postura, ed è per questo che nella valutazione dei casi più complessi ricorriamo anche alla consulenza della dott.ssa Lucia Polimene, osteopata di provata competenza, che da anni collabora con noi.

TRATTAMENTI ORTODONTICI

QUANDO SI DEVE RICORRERE ALL'ORTODONZIA?

La decisione verrà presa insieme al dentista, in seguito a un’attenta valutazione del caso specifico. In presenza di uno o di una combinazione di questi elementi è possibile che sia necessario sottoporsi a un trattamento ortodontico.

Difetti ortodontici
  1. Morso aperto
    Quando i molari chiudono tra loro, ma i denti anteriori non si toccano.
  2. Morso profondo
    Quando i molari chiudono tra loro, ma i denti anteriori superiori coprono troppo quelli inferiori.
  3. Morso incrociato
    Quando i molari chiudono, ma qualche dente superiore chiude internamente a quelli inferiori.

ortodonzia difetti-ortodontici-principali

Tipi di malocclusione
  1. Prima classe
    L’arcata superiore è in posizione corretta rispetto a quella inferiore, ma i denti sono affollati, storti o lontani dalla loro posizione.
  2. Seconda classe
    L’arcata superiore è troppo in avanti o quella inferiore troppo indietro.
  3. Terza classe
    L’arcata inferiore è troppo in avanti, o quella superiore troppo indietro.

ortodonzia principali-tipi-malocclusione

COME SI DETERMINA IL TRATTAMENTO PIÙ ADATTO?

Un accurato studio ortodontico è necessario per decidere il tipo di trattamento più adatto: vengono esaminati i denti, la mandibola, la mascella, le articolazioni, la forma e il profilo del viso, il modo di masticare e di deglutire, quasi sempre con l’aiuto di radiografie, modelli e foto. Se desideri dei cambiamenti estetici specifici nel tuo sorriso, verifica durante questa fase di valutazione se è possibile ottenerli con l’ortodonzia, parlandone con il dentista.

  • La radiografia panoramica serve per verificare la presenza e la posizione dei denti.
  • La teleradiografia serve per eseguire delle misurazioni utili per impostare il trattamento ortodontico.
  • I modelli dei denti, permettono di verificare come le due arcate dentarie chiudono tra loro.
  • Le foto danno a te e al dentista la registrazione del viso e dei denti prima del trattamento.
QUANTO DURA IL TRATTAMENTO ORTODONTICO?

Dipende dal tipo e dalla gravità del problema, dall’età, dalla risposta individuale al trattamento e dalla diligenza nel presentarsi agli appuntamenti di controllo e seguire le indicazioni del dentista.

APPARECCHIO FISSO: QUALI CIBI EVITARE?

  • Cibi che si attaccano ai denti e all’apparecchio
    Alimenti come gomme e caramelle possono danneggiare gli attacchi o consumare il cemento che li sostiene.
  • Cibi duri o croccanti
    Patatine, pop-corn o noccioline possono rompere gli attacchi. Tagliare a piccoli pezzi anche cibi come carote, mele o pane duro.
  • Cibi come frutta secca, cereali o dolci
    Da evitare se non seguiti da un’immediata igiene orale: fermandosi tra i denti e l’apparecchio, favoriscono l’insorgere di carie
COME SI LAVANO I DENTI CON L’APPARECCHIO?

È importante spazzolare i denti dopo ogni pasto e spuntino, meglio se con uno spazzolino apposito per apparecchi (spazzolino ortodontico), per rimuovere la placca che si annida più facilmente intorno agli attacchi. Brevi movimenti verso l’alto e verso il basso consentono di pulire sia i denti, che gli attacchi ortodontici. Spazzolare anche il bordo gengivale e la superficie masticatoria. Dopo aver spazzolato i denti, sciacquare molto bene. Alla fine, controllare denti e attacchi da vicino con uno specchio ben illuminato. Rivolgiti alla nostra igienista dentale per ulteriori consigli sull’igiene quotidiana della bocca e sedute di pulizia professionale.

SI PUÒ USARE IL FILO INTERDENTALE CON L’APPARECCHIO FISSO?

Si, è possibile passare il normale filo interdentale, aiutandosi con aghi passafìlo che ne facilitano l’inserimento tra denti e apparecchio, oppure con fili interdentali appositi per apparecchi ortodontici, dotati di un’estremità più rigida che ne agevola lo scorrimento. Passare il filo interdentale tra dente e dente, facendolo scorrere sotto l’arco ortodontico, pulire la zona gengivale, strofinare il filo interdentale lungo la superficie dei denti e delicatamente attorno agli attacchi, cambiando il filo quando sporco. La nostra igienista dentale è sempre a disposizione per ulteriori consigli sull’igiene quotidiana della bocca e sedute di pulizia professionale.